stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca «Nave Iuventa dopo il sequestro saccheggiata e distrutta»: esposto alla procura di Trapani

«Nave Iuventa dopo il sequestro saccheggiata e distrutta»: esposto alla procura di Trapani

L’equipaggio della Iuventa ha presentato una denuncia alla procura di Trapani «per sollecitare un’indagine in merito all’abbandono e al deterioramento della nave di soccorso» che è stata sequestrata nell’estate del 2017.

«L'equipaggio ha salvato più di 14.000 migranti in pericolo. Oggi, dopo quasi 5 anni in custodia forzata presso la Capitaneria di porto di Trapani, la Iuventa giace abbandonata, saccheggiata e in gran parte distrutta. Al momento rischia di affondare, rappresentando una vera e propria minaccia per l’ambiente», afferma una nota dell’equipaggio. La relazione che ha fatto seguito all’ispezione tecnica effettuata nell’ottobre 2022, commissionata dagli armatori della nave e autorizzata dal gip di Trapani, indica che «una volta a bordo - prosegue la nota - è evidente che la nave si trova in uno stato di totale abbandono dalla data del sequestro», poiché «non è stata effettuata alcuna manutenzione ordinaria o straordinaria. Secondo il rapporto agli atti, c'è il rischio che parti essenziali della nave non siano più in funzione, mentre altre sono state rubate».

In seguito a questa indagine, il gip di Trapani ha ordinato, a dicembre scorso, la riparazione e la manutenzione della nave Iuventa. Secondo Nicola Canestrini, avvocato della Iuventa, «l'omessa custodia secondo la legge italiana è reato. Ci attendiamo un’indagine approfondita che stabilisca se e chi non ha adempiuto al proprio dovere di preservare la perfetta funzionalità della nave di soccorso sequestrata dalle autorità, ormai in stato di completo abbandono».

Nel comunicato si aggiunge che «la Capitaneria di porto di Trapani è responsabile della custodia della nave e in quanto tale avrebbe dovuto provvedere a una sorveglianza adeguata. Tuttavia, la nave è stata lasciata totalmente incustodita, in particolare dopo il suo trasferimento al di fuori di un'area sicura del porto nella primavera del 2021. Le autorità erano a conoscenza di una serie di eventi in cui alcuni individui si sono introdotti a bordo dell’imbarcazione, commettendo furti e danni, mentre altri hanno addirittura vissuto all'interno della nave. I vandalismi e il deterioramento delle condizioni della nave sono stati denunciati più volte nel corso degli anni. Ciononostante, non sono state prese misure adeguate. Dalla Capitaneria di porto di Trapani al momento non è giunta alcuna replica.

Sascha Girke, imputato della Iuventa, punta l’indice: «Con il sequestro della Iuventa - dichiara - lo Stato Italiano non solo ha ridotto le capacità della flotta civile di soccorso in mare ma, abbandonando la motonave, ha distrutto un bene che avrebbe potuto salvare altre vite. Indubbia la connotazione politica di tali azioni; è un altro esempio del disprezzo per la vita delle persone in movimento e dell'ostinazione a impedirne la sopravvivenza. In un contesto in cui le politiche del governo e dello Stato italiano sono ossessionate dall'ostacolare le operazioni della flotta civile del soccorso in mare, violando direttamente e indirettamente i diritti fondamentali delle persone in movimento, compreso il diritto alla vita, consideriamo la confisca dei mezzi di soccorso e la loro distruzione parte della stessa strategia». L'equipaggio della Iuventa ha presentato una denuncia alla procura di Trapani il 13 febbraio.

Le foto che mostrano le condizioni attuali della nave Iuventa sono allegate al comunicato

 

© Riproduzione riservata

TAG:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X