stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Trapani, il gettone di presenza della discordia: c'è chi rinuncia all'aumento
LA POLEMICA

Trapani, il gettone di presenza della discordia: c'è chi rinuncia all'aumento

di
I consiglieri Abbruscato e Grignano hanno deciso che lasceranno la differenza nelle casse comunali

TRAPANI. Enzo Abbruscato e Nino Grignano non percepiranno alcun aumento del gettone di presenza a partire dal primo gennaio. I due consiglieri del Partito democratico hanno deciso, quindi, che dal prossimo anno percepiranno 66 euro, così come avviene adesso, mentre i rimanenti 21 euro, quelli decisi con l’adeguamento della scorsa settimana, resteranno nelle casse del Comune. A spiegarne il motivo sono gli stessi consiglieri. “Le legittime aspettative dei cittadini, sono state, per l’ennesima volta, tradite dalla scarsa sensibilità del consiglio comunale sul tema del “gettone di presenza”.

Quindi, coerentemente al voto contrario espresso sull’aumento dell’indennità, preso atto dei tagli, veri e di notevole entità, registrati nel bilancio 2014 di imminente trattazione, che interessano tutti i servizi ai cittadini, la collettività trapanese ed in particolare i servizi sociali, riteniamo imprescindibile chiarire che, come per gli anni pregressi (2012-2013-2014) non percepiremo nessun incremento delle indennità per il 2015, destinando la differenza nella disponibilità della casa comunale”. Michele Cavarretta, consigliere del gruppo misto, invece, affida ad una lettera aperta la spiegazione del suo sì al voto favorevole all’adeguamento.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X