stampa
Dimensione testo
IL CASO

Trapani, il cantiere navale resta terra di nessuno: "Porto penalizzato"

di
porto, trapani, Trapani, Economia
Il porto di Trapani

TRAPANI. «La mancata riapertura del Cantiere navale di Trapani sta paralizzando l’economia dell’intero sistema portuale e frenando lo sviluppo del territorio». A lanciare l’allarme - e non si tratta del primo - è il segretario generale della Cgil e della Fiom Cgil di Trapani Filippo Cutrona che, ancora una volta, denuncia l'eccessivo ritardo del ministero delle Infrastrutture per l'affidamento dell'area demaniale del Cnt a una delle aziende che hanno partecipato al bando e l'inerzia dei parlamentari nazionali espressi dal territorio che di fatto «non hanno intrapreso alcuna iniziativa concreta volta a sollecitare l'iter per la riapertura del Cantiere navale».

Il problema sembra non riguardare più nessuno, ad eccezione dei diretti interessati e cioè gli ex dipendenti del Cnt. La vicenda dei cantieri è finita nel dimenticatoio: neppure le forze politiche di Sinistra e le varie associazioni per la legalità hanno saputo, in questi ultimi mesi, mantenere alta l’attenzione.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X