stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Scomparsa e poi ritrovata dopo ore di ricerche la donna ucraina violentata a Trapani
GIALLO

Scomparsa e poi ritrovata dopo ore di ricerche la donna ucraina violentata a Trapani

di
violenza sessuale, Trapani, Cronaca
L'ospedale Sant'Antonio Abate di Trapani

La donna ucraina di 44 anni vittima di una brutale aggressione e di una violenza sessuale, che si trovava ricoverata in ospedale a Trapani dopo un delicato intervento chirurgico, alle 9 di stamane è scomparsa. Dopo ore di ricerche è stata ritrovata alla stazione dei treni. Con lei c 'era un uomo vestito di nero, un volto noto in città perché cammina tenendo spesso al guinzaglio un rottweiler. Forse l'unico amico che la donna frequenta.

A lanciare l'appello questa mattina era stato il legale Fabio Sammartano: “La mia cliente stamane intorno alle ore 9 circa, dopo la visita del medico di guardia, non è stata più rinvenuta dal personale sanitario del reparto di chirurgia dell'ospedale di Trapani”.

La signora era stata presa in carico dai servizi sociali del Comune di Trapani con i quali già aveva fatto un colloquio, presenti i medici del reparto di Chirurgia e la psicologa dell'ospedale. Era stata anche informata che una volta dimessa e quindi una volta uscita dall'ospedale poteva entrare in una struttura per donne vittime di violenza sessuale. Stamane il referente dei servizi sociali del comune ha chiamato il reparto per poter concordare un incontro in mattinata per confermare di avere individuato la struttura, ma dall'ospedale hanno comunicato che la signora era andata via, lasciando in ospedale anche il proprio cellulare.

Al momento del ritrovamento indossava ancora il camice fornitogli dall'ospedale e si aggirava all'interno dell' edificio della stazione, che in questi mesi era il posto dove trascorreva le serate. Di quanto accaduto oggi è stata informata anche la Procura che sta indagando sulla violenza sessuale. Lo stato di salute della donna, ha indotto i sanitari dell’ospedale di Trapani a prolungare la sua degenza in ospedale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X