stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Denise Pipitone, troupe di Rai2 aggredita a colpi di casco a Mazara del Vallo
LA DENUNCIA

Denise Pipitone, troupe di Rai2 aggredita a colpi di casco a Mazara del Vallo

Mazara del Vallo, Denise Pipitone, Trapani, Cronaca
Denise Pipitone all'epoca della scomparsa

Un inviato di "Ore 14", il programma di Rai2 condotto da Milo Infante, è stato aggredito a Mazara del Vallo, dove il giornalista si trovava in merito al caso della scomparsa della piccola Denise Pipitone.

"Cercare la verità su Denise a Mazara può essere pericoloso. Aggredito l’inviato di Ore 14. Solidarietà e affetto al nostro Fadi - scrive il giornalista su Facebook -. Ore 14 Rai2 è anche questo. Cercare in strada le notizie e ottenere botte e minacce. Questo signore sarà denunciato anche se dice che non ha nulla da perdere. Sempre grazie invece a Mazara del Vallo e ai suoi fantastici abitanti che ci hanno accolto con affetto e disponibilità".

"Minacciata la troupe del programma di Rai2 Ore14. Giornalista e operatore sono stati minacciati a Mazara Del Vallo, dove erano per seguire la storia di Denise Pipitone". A denunciarlo, in una nota, sono Usigrai e Fnsi, che "esprimono solidarietà ai colleghi aggrediti e a tutta la redazione. Ovviamente - sottolineano - saremo parte civile contro chi li ha minacciati".

"A Mazara del Vallo le telecamere della Rai danno fastidio a chi non vuole che i cittadini siano informati. Vale per la ricerca di verità per Denise Pipitone, così come per le piazze di spaccio disturbate dalle telecamere", denuncia il comitato di redazione dei giornalisti delle reti Rai in una nota.

"Dopo l'aggressione verbale delle scorse settimane ai colleghi di Chi l'ha visto? Filomena Rorro e Francesco Paolo Del Re, oggi si è passati alla violenza fisica ai danni dell'inviato di Ore 14 Fadi El Hnoud, anche lui lì per realizzare alcune interviste sul caso di Denise Pipitone. Bene ha fatto Fadi a denunciare l'accaduto alla locale caserma dei carabinieri: ci auguriamo che l'aggressore, ripreso in volto, venga subito individuato. Massima solidarietà - conclude la nota - ai colleghi aggrediti".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X