stampa
Dimensione testo

Mafia a Trapani, Lo Voi: "Ruggirello ritenuto il ponte fra cosa nostra e le istituzioni"

"I voti venivano raccolti a prescindere dall'ideologia. L'appoggio elettorale è stato offerto nei confronti di candidati in schieramenti anche diversi per raggiungere il loro scopo principale e assicurarsi la loro presenza sul territorio attraverso esponenti politici che li rappresentassero". Lo dichiara il procuratore della Repubblica di Palermo, Francesco Lo Voi, nella conferenza stampa dell'operazione antimafia "Scrigno", che ha azzerato la mafia trapanese portando all'arresto 25 persone.

"Paolo Ruggirello è accusato di partecipazione all'associazione mafiosa - prosegue ancora Lo Voi -, in quanto ritenuto il vero e proprio referente politico dei clan. Aiutato nel suo percorso fin dal 2008 quando i suoi interlocutori gli rappresentavano la loro vicinanza con noti boss mafiosi come Nunzio Spezia, Francesco e Matteo Messina Denaro, in cambio di posti di lavoro e altri favori. Ottiene aiuti per favori personali, anche di natura sentimentale. Avrebbe rappresentato il ponte fra la mafia e le istituzioni, compreso il pagamento di somme di denaro per avere sostegno nelle elezioni regionali del 2017".

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X