stampa
Dimensione testo

Sport

Home Foto Sport «Monte Bonifato revival», sfilano 85 bolidi tra mito e storia

«Monte Bonifato revival», sfilano 85 bolidi tra mito e storia

Grande successo per la quarta edizione della «Monte Bonifato revival», manifestazione turistico-rievocativa non competitiva, organizzata dal Club auto e moto d’epoca «F. Sartarelli» con il patrocinio del Comune di Alcamo.
Nella mattinata di domenica 22 maggio 2022 si sono ritrovati ben 85 equipaggi con vetture di particolare rarità e valore storico-collezionistico. La manifestazione, nonostante l’elevato numero di partecipanti, si è svolta regolarmente rispettando i tempi previsti per lo svolgimento delle tre sfilate rievocative sui tornanti del Monte Bonifato, una volta scenario della storica cronoscalata.

La giuria di esperti composta dal presidente del club «F. Sartarelli» Alberto Santoro, dal vice-presidente Salvatore Mustazza, dal consigliere nonché direttore di manifestazione Carlo Incammisa e dai consiglieri Paolo Naso e Salvatore Ingardia ha attribuito i premi d’onore alle sei categorie di vetture:

Categoria Utilitaria: Fiat Giannini 590 Vallelunga del 1969
Categoria Coupè: Dino 246 GT del 1971
Categoria Spider: Fiat 1100 del 1948
Categoria Barchetta: Fiat 500c barchetta del 1953
Categoria Competizione: Alpine 110 del 1972
Categoria Berlina: Alfa Romeo 1750 Berlina del 1969

La Porsche 356 Speedster del 1955 si è aggiudicata il prestigioso premi Best of show 2022 come auto più rappresentativa, per sportività e rarità del veicolo, di questa edizione della Monte Bonifato Revival.
Grande la soddisfazione del presidente Alberto Santoro: «Sono soddisfatto dell’ottima riuscita della manifestazione, in collaborazione con l’amministrazione locale nella persona del sindaco Surdi e dell’Assessore Beninati e dell’assessore Ferro, siamo riusciti ad unire la passione per il motorismo storico con la promozione del territorio e delle sue bellezze naturali. Ringrazio tutta la squadra del Consiglio Direttivo e i tantissimi appassionati che si sono spesi per il Club Sartarelli senza i quali non si sarebbe potuto realizzare tutto ciò».

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X