stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Atto vandalico nel lungomare di Mazara, rotta una giara in ceramica

Atto vandalico nel lungomare di Mazara, rotta una giara in ceramica

Nuovo atto di vandalismo a Mazara del Vallo. Ignoti hanno rotto la scorsa notte una delle sette giare disposte nel lungomare del comune in provincia di Trapani.

Duro il commento del sindaco Salvatore Quinci, dopo avere appreso la notizia. "Gli incivili in questa città hanno rialzato la testa e registriamo purtroppo nuovi atti di vandalismo. L'ultimo episodio in ordine di tempo la rottura di una delle 7 giare nel lungomare - spiega - che avevamo collocato appena pochi mesi fa in sostituzione di altre ceramiche precedentemente vandalizzate. Questo grave episodio segue di pochi giorni l'atto vandalico compiuto nella nuova pista ciclabile di via Sansone".

"Oltre a condannare questi gesti ed a tentare di contrastare con i mezzi che abbiamo questa minoranza agguerrita di vandali - sottolinea il primo cittadino di Mazara del Vallo - dobbiamo interrogarci su quanto stia accadendo. Inutile sottolineare che la città è di tutti e non solo di chi l'amministra e che la responsabilità del decoro e della salvaguardia non può essere limitata al sindaco, alla giunta o al consiglio comunale ma ogni cittadino in quanto proprietario della cosa pubblica è chiamato ad agire per contrastare questo ed altri atti di vandalismo segnalando ad esempio eventuali responsabilità. L'inciviltà di pochi, anche nel campo del decoro urbano, danneggia tutti".

"Sentiremo in questi giorni i rappresentanti delle forze dell'ordine - annuncia il sindaco - per eventualmente concordare azioni di contrasto maggiormente efficaci nella lotta al vandalismo. Dal canto nostro siamo impegnati a mettere a punto un sistema di videosorveglianza più capillare. Di certo, non lasceremo che pochi vandali ed incivili abbiano la meglio e credo che su questo fronte non possano esserci né tentennamenti né differenze tra maggioranza e opposizione ma si debba remare tutti dalla stessa parte".

© Riproduzione riservata

PERSONE:

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X