stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Fondi non spesi dal distretto D50, tornano indietro 430 mila euro
SERVIZI SOCIALI

Fondi non spesi dal distretto D50, tornano indietro 430 mila euro

di

TRAPANI. Il Ministero accredita le somme necessarie al Distretto socio-sanitario D 50, di cui è capofila il Comune di Trapani, ma parte di soldi viene rispedita al mittente perché non viene spesa.
Sulla mancata attuazione della programmazione dei piani di intervento per i servizi di cura ai minori, sono i sindacati — confederali Cgil, Cisl e Uil — e le federazioni di categoria — a fare alzare il loro grido di protesta. Attraverso un documento a firma di Cutrona, De Luca, Tumbarello, Granello, Di Matteo e Falco mettono in evidenza, soprattutto, le carenze delle amministrazioni locali. In particolare — secondo il documento sindacale — «i Comuni rispetto al piano di intervento non hanno ottemperato alla piena utilizzazione delle risorse».

Secondo i dati in possesso dei sindacati la Programmazione riguardava la gestione di asili nido e anche gli interventi per anziani non autosufficienti, per i quali il Ministero competente ha assegnato al Distretto D 50 di Trapani la somma complessiva di un milione e 633.878 euro. Ma per i progetti di assistenza — a minori e anziani — i Comuni del Distretto hanno previsto una spesa di un milione 200,678 euro. Ciò significa che verrà rimandata al mittente la somma di 430 mila euro circa per l’impossibilità di utilizzazione dell’intero importo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X