stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Trapani, deturpato con scritte e vernice il murale con il volto di Francesca Morvillo
SANT'ALBERTO

Trapani, deturpato con scritte e vernice il murale con il volto di Francesca Morvillo

Trapani, Cronaca
L'opera d'arte raffigurante Francesca Morvillo deturpata

È stato imbrattato con vernice e scritte, nel Rione Sant'Alberto a Trapani, il murales con il disegno del volto di Francesca Morvillo, magistrato moglie del giudice Giovanni Falcone e, insieme a lui e tre agenti della scorta, uccisa nella strage di Capaci il 23 maggio 1992.

È stato realizzato dall’artista Nanno Gandolfo nella piazza intitolata proprio alla moglie del giudice Falcone. L’opera era stata già danneggiata nel maggio del 2019 e successivamente ripristinata. Adesso la vernice nera usata in precedenza è stata sostituita con quella rossa con scritte e disegni volgari. Si lavorerà per tentare di ripristinarlo.

«Lo ritengo un gesto davvero vergognoso e criminale soprattutto per l’alto valore simbolico assunto dal murales, dedicato a una persona che ha perso tragicamente la vita per mano della mafia.- afferma il senatore del Movimento 5 Stelle, Vincenzo Santangelo -. Un vigliacco oltraggio alla memoria proprio nell’anno del 30esimo anniversario della strage di Capaci».

«Un atto che risulterebbe molto grave anche se il valore simbolico di quell'opera - aggiunge - non fosse stata nota agli ignoti artefici perché questo indicherebbe l’assoluta mancanza di conoscenza e di memoria, elementi dei quali non si può prescindere nella lotta alla mafia».

Non è purtroppo la prima volta che viene imbrattato con frasi ingiuriose il murales dedicato a Francesca Morvillo. Il 18 maggio del 2019 infatti a pochi giorni dall'anniversario della strage di Capaci ancora una volta ignoti nottetempo sfregiarono il volto di Francesca Morvillo. Pochi tratti di vernice nera sul viso, una parola e un simbolo offensivi e poi un ultima parola quasi di scherno. Così era stato imbrattato quel murales dedicato al magistrato Francesca Morvillo. A denunciare l'episodio era il Comitato di quartiere che ha contribuito alla sua realizzazione.

«Il murales è stato fortemente voluto dal nostro comitato e dall'amministrazione comunale per dare anche un po' di colore, dignità e senso civico al quartiere – aveva sottolineato in quella occasione il comitato di quartiere - la piazza, il giorno 24 sarà intitolata a Francesca Morvillo, come simbolo delle mamme del quartiere, per commemorare questa donna che si è impegnata per la difesa dei minori». Il murales non era stato ancora concluso e l'autore, Alessandro Gandolfo, aveva aggiunto una frase in dialetto a indicarlo: «Picciotti, virite che sto murale è da finire, don't touch please». A cui gli autori del gesto hanno aggiunto un emblematico «ops».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X