stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Acqua a perdere a Castelvetrano, l'assessore: «Svuotamento imposto da Roma»
LA POLEMICA

Acqua a perdere a Castelvetrano, l'assessore: «Svuotamento imposto da Roma»

Caldo torrido e ora l’acqua della diga Delia di Castelvetrano viene riversata a mare perché l’invaso necessita di lavori di messa in sicurezza. E gli agricoltori della Val di Mazara sono seriamente preoccupati. A lanciare l’allarme sono i presidenti delle cantine Colomba Bianca (Dino Taschetta), Paolini (Gaspare Baiata), Europa (Nicola Vinci), Petrosino (Vincenzo Ampola) e Birgi (Giuseppe Monteleone), che nei giorni scorsi si sono riuniti per fare il punto su una criticità che rischia di trasformarsi in crisi irreversibile per tantissimi produttori.

«Ormai da diverse settimane - denunciano coralmente i presidenti - le paratoie della diga sono aperte, provocando la fuoriuscita di rilevanti metri cubi di acqua che vengono riversati 24 ore su 24 in mare. Se questa situazione non verrà fronteggiata al più presto, la diga disporrà di un quantitativo di acqua di 3 milioni di metri cubi, a fronte di una capacità massima di 18 milioni, limitando l’irrigazione estiva di emergenza nei vigneti».

I presidenti accusano una gestione delle acque regionali fortemente critica: «molteplici dighe ancora sono non collaudate, altrettante incompiute, mancanza le connessioni tra le province per il travaso dei volumi, reti di distribuzione che perdono come colabrodo e c’è scarsa sicurezza che causa continui furti d’acqua». La diga Delia - a regime - potrebbe servire circa 6.000 ettari di vigneti, che hanno un fabbisogno idrico annuo che si attesta attorno a 6 milioni di metri cubi e che non può essere sostenuto con le sole piogge. «Provando a fare una stima economica, la produzione del nostro territorio servito dalla diga Trinità, è di circa 600mila quintali di uva che, moltiplicata per una media di 40 euro a quintale, corrisponde a 24 milioni di euro. Perdere anche solo il 20% vuol dire buttare al vento 4,8 mln, ovvero fare cadere in rovina centinaia di famiglie», dicono ancora i presidenti delle cantine.

L'assessore Baglieri: «Svuotamento imposto da Roma»

«A quindici giorni dalla campagna irrigua degli agricoltori siciliani siamo stati costretti per ragioni di sicurezza ad aprire le paratie della diga Trinità di Castelvetrano a seguito di una nota perentoria da parte del ministero dell’Agricoltura». Lo afferma l’assessore dell’Energia e dei servizi di pubblica utilità, Daniela Baglieri, a proposito dello svuotamento della diga trapanese che ha messo in allarme le imprese agricole del territorio. «Il dipartimento regionale Acqua e Rifiuti - continua la Baglieri - attraverso una nota inviata il 24 maggio al ministero e alla Prefettura di Trapani evidenzia come questa scelta dettata da Roma non tiene conto delle necessità economiche e produttive del comprensorio. A stretto giro convocherò un tavolo con il Consorzio di bonifica di Trapani per cercare di risolvere ogni difficoltà sul territorio. Ricordiamo che negli ultimi anni il dipartimento è stato impegnato nella programmazione e nell’affidamento dei servizi di ingegneria relativi alla rivalutazione sismica degli sbarramenti e delle opere strutturali risorse per diverse decine di milioni di euro». «Si tratta - conclude il rappresentante del governo Musumeci - di un intervento progettuale storico, a valle del quale, con l’approvazione dell’ufficio tecnico per le dighe di Palermo del ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili si potranno redigere i progetti esecutivi di tutti gli interventi che sono propedeutici alla rimozione delle limitazioni di invaso in tutte le dighe gestite dalla Regione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X