stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Padre Librizzi, consulenza di parte: esito contestato dalla Procura di Trapani
INDAGINI

Padre Librizzi, consulenza di parte: esito contestato dalla Procura di Trapani

di
Per i pm, l’ex direttore della Caritas ha sempre dimostrato di essere capace di intendere

TRAPANI. Il procuratore capo, Marcello Viola, non usa mezzi termini: lo psichiatra Gaetano Vivona - consulente di parte dell’imputato Sergio Librizzi, accusato di concussione e violenza sessuale - «ha compiuto una lettura superficiale delle carte». L’intero pool di magistrati, guidato da Viola - Paolo Di Sciuva, Sara Morri e Andrea Tarondo - all’unanimità contesta, «in maniera assoluta», le conclusioni del consulente, secondo cui, l’ex direttore della Caritas di Trapani, sarebbe «parzialmente incapace di intendere e di volere». Insomma, per gli inquirenti, il consulente non avrebbe acquisito un’adeguata conoscenza dei fatti. Nella relazione, acquisita dal gup, il consulente scrive che Librizzi ha, tra l’altro, un «disturbo dell’umore» ed una «capacità di autodeterminazione quasi assente».

Tutto ciò stride con il materiale probatorio acquisito dagli inquirenti: le indagini della sezione di polizia giudiziaria della forestale e le microspie piazzate sull’utilitaria del prelato dicono tutt’altro. Fino al giorno del suo arresto, padre Librizzi, infatti, godeva della massima credibilità nei Palazzi istituzionali, come la Prefettura.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X