Gibellina, la sala Agorà del Comune intitolata a Leonardo Sciascia

La sala Agorà del Comune di Gibellina è stata intitolata alla memoria di Leonardo Sciascia. A 31 anni dal giorno in cui l’allora sindaco Ludovico Corrao conferì la cittadinanza onoraria allo scrittore di Racalmuto (ma anche all’allora Presidente della Regione Rino Nicolosi), il Comune di Gibellina ha deciso di intitolare la sala rinnovata proprio a Sciascia.

Negli anni della ricostruzione proprio quel luogo a primo piano del Comune in piazza XV Gennaio ha rappresentato l’agorà dove si sono ritrovati i cittadini di Gibellina, sia per momenti civili che religiosi. "Insieme alla sala restituiamo ai nostri cittadini anche il restaurato mosaico futurista di Gino Severini – ha detto il sindaco di Gibellina, Salvatore Sutera – sul quale è intervenuta l’Accademia di Brera".

Alla cerimonia, evento clou delle commemorazioni per il 51° anniversario del terremoto del Belìce, hanno partecipato i sindaci della Valle, il sindaco di Racalmuto Emilio Messana, Francesca Corrao, figlia del senatore Ludovico e il sottosegretario ai beni culturali Gianluca Vacca.

© Riproduzione riservata

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X