stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Foto Cultura Cous Cous Fest, uno chef lombardo vince il campionato italiano

Cous Cous Fest, uno chef lombardo vince il campionato italiano

SAN VITO LO CAPO. È Stefano De Gregorio, di Busto Arstizio (Varese), il vincitore del Campionato italiano di cous cous Bia, la gara tra chef italiani che si è svolta nell’ambito della 18\esima edizione del Cous Cous Fest.

De Gregorio, con la ricetta “Viaggio in Sicilia”, un cous cous al gambero rosso di Mazara accompagnato da maionese, finocchietto, ficodindia, pistacchio di Bronte e limone, in omaggio ai sapori e ai profumi dell’isola, si è imposto tra i sei chef in gara, selezionati tra oltre 50 candidature provenienti da tutta Italia. Lo chef lombardo si è guadagnato il consenso della giuria tecnica e di quella popolare, superando Domenico Della Salandra che ha proposto una rivisitazione di cous cous alla norma e Tindaro Ricciardo, chef di Piraino (Messina), che ha presentato il cous cous al basilico con vellutata di zucchine e caponatina nebroidea. Grazie a questa vittoria De Gregorio farà parte della squadra italiana, capitanata dallo chef sanvitese, Rocco Pace, in gara alla competizione internazionale di cous cous che vedrà sfidarsi, da giovedì, chef provenienti da dieci Paesi: Brasile, Francia, Israele, Italia, Marocco, Mauritius, Palestina, Senegal, Stati Uniti e Tunisia. Il campionato italiano di cous cous è intitolato a Bia, azienda produttrice di cous cous, main sponsor della rassegna sanvitese.

“È una vittoria molto importante per me – spiega De Gregorio - dal momento che il Cous Cous Fest è una vetrina importante dal punto di vista gastronomico. Amo molto il sud Italia e la mia tipologia di cucina è molto mediterranea. Nei miei piatti cerco di valorizzare i territori anche se non mi appartengono direttamente. In particolare in questa ricetta ho puntato sul gambero rosso utilizzato nella sua totalità. Lo uso crudo perché credo che così venga valorizzato”.

A giudicare le ricette sono state due giurie. Del panel tecnico, presieduto dalla food blogger Chiara Maci, hanno fatto parte gli chef sanvitesi Enzo Battaglia, Giovanni Torrente e Rocco Pace, l’amministratore unico dell’azienda Bia, Luciano Pollini e la food blogger Daniela Corso. Anche i visitatori della rassegna hanno espresso il loro giudizio assaggiando e votando tutte le ricette.

Il programma del Cous Cous Fest, che si chiude domenica 27 settembre, prosegue con show cooking, incontri, talk show e grandi concerti gratuiti. Domani sera, alle 23 arriva uno dei concerti più attesi. In piazza Santuario si esibirà Elio e le storie tese, gruppo cult milanese autore di una musica capace di attraversare i generi più diversi, coniugando testi ironici e surreali e raffinate sonorità rock. Sarà una serata di grande musica e di immancabile umorismo dove non mancheranno in scaletta i grandi classici della loro carriera.

Elio, frontman di Elio e le storie tese, prima del concerto sarà intervistato sul palco da Vladimir Luxuria nell’ambito di Café le cous cous, il talk show del festival. Una conversazione che sarà tutta all'insegna dell'ironia e della sagacia, la cifra stilistica dell'artista leader di uno dei gruppi italiani più cult.

Il Cous Cous Fest è organizzato dal Comune di San Vito Lo Capo in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Feedback ed è finanziato dai main sponsor Bia Italia Spa, leader in Italia nella produzione di cous cous convenzionale e biologico certificato, Conad, Electrolux Professional, uno dei leader mondiali nella produzione e distribuzione di soluzioni professionali destinate al settore della ristorazione e dall'official sponsor Unicredit, gruppo finanziario europeo leader nei servizi bancari.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X