stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Dal Senegal a Campobello di Mazara, la storia del giovane migrante con la passione per la boxe

di
boxe, campobello di mazara, migranti, Ba Aboulaye, Trapani, Sport

La boxe nel cuore ma in Senegal non aveva mai avuto la possibilità di praticarla. «Avevo fatto karate per tre anni», spiega. Ma i guantoni non li aveva mai indossati. Lo ha fatto una volta giunto in Sicilia, come tanti migranti che attraversano il Mediterraneo col rischio di finire annegati.

Ba Aboulaye, 24 anni, invece, ce l'ha fatta e dal 2014, dopo una piccola parentesi in un centro dell'hinterland trapanese, vive nel territorio di Campobello di Mazara: dapprima in una comunità di Torretta Granitola, ora - dopo l'entrata in vigore del Decreto sicurezza e la chiusura del centro - è invece in un alloggio di fortuna a Campobello di Mazara.

Il pugilato l'ha scoperto come la sua vera passione. L'ha praticato poco in una palestra di Mazara del Vallo e ora da qualche mese ha trovato un istruttore di esperienza nella palestra di Paolo Passanante. «Un giorno è venuto alla reception e ha chiesto di iscriversi - spiega Passanante - iniziando nella sala attrezzi, poi, vedendo la sala boxe ha voluto iniziare a praticarla».

L’articolo nell’edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X