stampa
Dimensione testo
IL SEMINARIO

Erice, dagli scienziati un appello in favore dei vaccini

ERICE. Dai seminari di Erice sulle «Emergenze planetarie», gli scienziati lanciano un appello in favore dei vaccini e in particolare per quello contro il morbillo. «In Italia sono in crescita i negazionisti; oggi si attestano al 20% della popolazione», dice Franco M. Buonaguro, direttore dell’Uoc di Biologia molecolare e oncogenesi virale presso l’Istituto nazionale dei tumori «Fondazione G. Pascale" di Napoli. Dopo Francia e Grecia, il nostro è il Paese dove maggiormente diffusa è la diffidenza.

La crescita del 'negazionismò per Buonaguro «è il frutto di un’informazione incorretta che ha alimentato paure e preoccupazioni ingiustificate. Non c'è alcuna evidenza scientifica che possa mettere in relazione i vaccini con l'autismo, né il rischio che il vaccino trasmetta l’infezione del patogeno da cui dovrebbe proteggere».
«Negli anni Ottanta - spiega il virologo - c'è stata la chiave di volta: i vaccini, da allora, non sono più realizzati con virus inattivati o attenuati, che avevano una percentuale, seppur ridotta, di rischi, bensì con tecniche di biologia molecolare con sub-unità del patogeno non in grado assolutamente di trasmettere l’infezione».   Per Buonaguro «bene ha fatto il ministro Lorenzin a imporre le vaccinazioni per l’accesso nelle scuole».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X