stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Il corso, la «laurea», le speranze Cinque detenuti diventano cuochi
CARCERI DI SAN GIULIANO

Il corso, la «laurea», le speranze
Cinque detenuti diventano cuochi

di
La formazione dentro la struttura penitenziaria

TRAPANI. Il riscatto dei detenuti passa attraverso i corsi di formazione professionale, organizzati all’interno delle carceri di San Giuliano. Ci crede il direttore. Ci credono gli assistenti sociali. Ci credono i reclusi. «I corsi - dice Renato Persico, responsabile dell’istituto penitenziario ericino - sono di vitale importanza per l'attuazione del dettato costituzionale, ovvero la rieducazione e il reinserimento della persona reclusa nella società, in quanto forniscono gli strumenti ai detenuti facendo loro acquisire professionalità e un attestato spendibile nel mondo del lavoro».

E con la consegna di 5 attestati di «addetto alla preparazione e cottura cibi» ad altrettanti detenuti, si è concluso presso le carceri di San Giuliano l’ultimo corso organizzato dall’«Engim» di Trapani. Le lezioni ai fornelli, tenute dal docente Giuseppe Sanfilippo decano degli insegnanti con i suoi 30 anni di attività all’interno delle carceri, sono stato incentrate sulla preparazione di un menù finale valutato da una commissione formata dalla presidente Caterina Maria Pia Porto e dai componenti: Valentina Valveri, tutor Anna Luisa Rallo e dal presidente dell’«Engim» Mariano La Plena.

ALTRE NOTIZIE SUL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA OGGI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X