stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Comuni, continua la mobilitazione di AnciSicilia: "Occorre cambiare le norme"
LA RICHIESTA

Comuni, continua la mobilitazione di AnciSicilia: "Occorre cambiare le norme"

Dopo l’incontro a distanza di venerdì sera, con la partecipazione di un centinaio di sindaci, continua la mobilitazione dell’Anci Sicilia che chiede ai governi nazionale e regionale di ridiscutere il quadro normativo che "sia sotto l’aspetto della sostenibilità finanziaria, sia sotto numerosi altri profili (gestione delle crisi finanziarie, regole sulle assunzioni, attuazione dei fabbisogni standard) impattano con le specificità che caratterizzano gli enti locali dell’Isola", dice il presidente dell’Associazione dei comuni siciliani Leoluca Orlando. Alla scadenza dei termini per l’approvazione dei bilanci di previsione 2021-23, prevista per oggi, soltanto 32 dei 390 Comuni e una ex Provincia (Trapani) sono in regola.

Secondo Orlando "si è, di fatto, assistito a un frettoloso abbandono del criterio della finanza derivata che, anche a seguito della mancata applicazione della legge 42 del 2009 sul federalismo fiscale, ha accentuato il divario territoriale tra le regioni e gli enti locali del Paese. A ciò si aggiunga che il confronto istituzionale tra il governo nazionale e la Regione Siciliana non ha mai contemplato un coinvolgimento degli enti locali. In dieci anni si è passati da trasferimenti regionali e nazionali adeguati, a enormi difficoltà nella gestione dei tributi locali anche a causa dell’inadeguatezza della società regionale di riscossione dei tributi, Riscossione Sicilia".

"Se il 2020 a causa della pandemia - aggiunge il segretario generale dell’Anci Sicilia, Mario Emanuele Alvano - è stato un anno anomalo sotto molti profili e, tra questi, anche quello dei rapporti finanziari tra Stato e comuni, caratterizzati da imponenti trasferimenti finanziari finalizzati a coprire le minori entrate degli enti locali, il 2021 appare peggiore del 2019, visto l’aggravarsi delle criticità sul piano della riscossione dei tributi locali. Le risposte che sono arrivate a livello nazionale e regionale - sono state del tutto inadeguate e, in alcuni casi, paradossali: si pensi alla norma nell’ultima legge di bilancio con la quale sono stati stanziati 100 milioni di euro in favore di tutti i comuni in crisi finanziaria ad eccezione di quelli siciliani (commi da 775 a 777 della legge 30 dic. 2000 n.178). A ciò si aggiungono le numerosissime previsioni normative che erogano risorse finanziarie in favore degli enti locali con maggiore capacità di progettazione escludendo, di fatto, gli enti in difficoltà". La mobilitazione prevede anche di adottare una delibera di giunta e sospendere le procedure di approvazione del bilancio, per fare emergere le incongruenze del quadro normativo.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X