stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Sanità ad Erice, appello del sindaco: potenziare i servizi
COMUNE

Sanità ad Erice, appello del sindaco: potenziare i servizi

Per l'istituzione del servizio di Radioterapia mentre la Vetta è senza guardia medica notturna

ERICE. Potenziare i servizi sanitari nel territorio con particolare riguardo alla Radioterapia all’ospedale Sant’ Antonio Abate e alla Guardia medica. È la richiesta avanzata dal sindaco di Erice Giacomo Tranchida al governatore Rosario Crocetta e all’assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi in una nota inviata, tra gli altri, anche al prefetto di Trapani Leopoldo Falco.

Il sindaco di Erice ricorda che la sua amministrazione, arrivando persino a cedere proprietà immobiliari, ha sostenuto e sollecitato il potenziamento dei necessari servizi a supporto dell'attività dell'Ospedale Sant’Antonio Abate e che si è fatta portavoce dell'annosa vicenda legata all'istituzione del servizio di Radioterapia mentre il borgo medievale di Erice vetta è stato «scippato» della Guardia medica attiva 24 ore su 24.
«Su tali questioni, si fa per dire di recente atteso che invero trattasi di anni - ribadisce Tranchida -, abbiamo sollecitato direttamente l'intervento dell'ex assessore Lucia Borsellino, non avendo però conseguito alcuna certezza d'intervento, tranne il rinvio sine die dello stanziamento romano dei necessari fondi».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X