stampa
Dimensione testo

Politica

Home Politica Trapani, le aziende confiscate e gli itinerari di legalità: "Occorre una svolta"
IL CONVEGNO

Trapani, le aziende confiscate e gli itinerari di legalità: "Occorre una svolta"

di
Organizzato dalla Fillea Cgil sulla crisi delle imprese sequestrate

TRAPANI. «Il destino delle aziende confiscate segue spesso un copione prestabilito... le banche bloccano i conti, gli affidamenti ed i fidi, l’appalto o il subappalto pubblico viene sospeso e, se il lavoro è privato, tutto il cantiere viene chiuso e i fornitori interrompono ogni rapporto commerciale». A tracciare, dati alla mano, un quadro tanto impietoso quanto reale, è stato il segretario provinciale della Fillea Cgil, Enzo Palmeri, in occasione del convegno organizzato dal sindacato intitolato «Itinerari della legalità: Dalle crisi al lavoro. Le aziende del settore edile sequestrate e confiscate in provincia di Trapani» e che ha visto la partecipazione anche di Giovanna Fracassi della segreteria nazionale. Palmeri ha snocciolato alcuni dati del comparto edile (il 70% delle aziende in amministrazione giudiziaria appartengono al settore delle costruzioni), che, inequivocabilmente, evidenziano la necessità, urgente, di rivedere la gestione dei beni.

Leggi la versione integrale e le altre notizie in edicola o sul giornale digitale CLICCA QUI

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X