stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Mazara, taglio giornate lavorative ai pescatori: scoppia la protesta

Mazara, taglio giornate lavorative ai pescatori: scoppia la protesta

di

Dall’inizio anno i pescatori dalla Liguria alla Sicilia, inclusa la Sardegna, devono rispettare norme che impongono una riduzione dello sforzo di pesca teso a ridurre le giornate di lavoro in mare. Norme volte ad un piano pluriennale
di ricostituzione degli stock ittici demersali, riguardanti la pesca di cinque specie: gambero viola, rosa e rosso, oltre a nasello, scampo e triglia di fango.

«Dopo i sequestri di pescherecci, anche il taglio di giornate lavorative per i pescatori italiani favorirà i Paesi rivieraschi del Mediterraneo: con questo andazzo la marineria siciliana e non solo rischia di chiudere. Questo  intervento della Unione europea – aggiunge il responsabile di Federpesca Mazara, Santino Adamo – aggraverà ulteriormente la nostra condizione, nonostante da mesi chiediamo a Bruxelles di intervenire nei rapporti con le autorità libiche o tunisine nel mezzo del Mediterraneo».

Le nuove norme comunitarie, che si applicano anche in Spagna e Francia, puntano a tagliare le giornate in mare dei pescatori del 10%, percentuale che potrebbe arrivare al 40% nei prossimi quattro anni.

L'articolo completo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X