stampa
Dimensione testo
BOTTA E RISPOSTA

Cantiere Navale di Trapani, Monti risponde alla Cgil: "Anche gli aiuti delle Zes"

di

«Sul Cantiere di Trapani ci stiamo muovendo nel rispetto delle norme e con il necessario equilibrio, cercando di risolvere in tempi rapidissimi una situazione difficile e pesante che fa riferimento al passato e ad atti amministrativi adottati dall'Autorità marittima e dal Ministero».

Il presidente dell'Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, Pasqualino Monti, contesta alcune dichiarazioni della Cgil che era tornata a denunciare lo stato in cui versa il Cantiere Navale di Trapani e i danni che continua a produrre la mancata riapertura della struttura, chiusa da otto anni.

«Ho grande rispetto del sindacato ma attaccare oggi l'Authority, l'unica risorsa del territorio che sta davvero dando risposte, lo trovo un messaggio sbagliato e inappropriato», ribatte Monti riguardo alle osservazioni circa il fatto che una parte nevralgica dell'area demaniale, assegnata dal ministero dei Trasporti a una società romana, la «Marinedì», sia stata concessa, in affitto per circa un anno, dall'Autorità di sistema portuale, a una ditta che sta eseguendo i lavori di riqualificazione del porto di Termini Imerese.

L'articolo completo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X