POST TERREMOTO

Belice, 300 milioni per completare la ricostruzione

di

GIBELLINA. È il momento di scrivere un nuovo capitolo nel libro della ricostruzione infinita della Valle del Belice, ora che gli ultimi 35 milioni di euro stanziati dallo Stato con la legge di Stabilità del 2012 sono in gran parte arrivati nelle casse dei ventuno Comuni colpiti dal sisma del '68.

Nei prossimi tre anni, dunque, dovranno essere chiusi tutti i cantieri finanziati con quelle risorse estratte dal Fondo per lo Sviluppo e la coesione. Adesso che i trasferimenti dalla Regione alle amministrazioni locali sono avvenuti, è possibile fare il punto della situazione.

Di cosa ci sarebbe dunque bisogno? Di un provvedimento univoco e conclusivo, che non guardi esclusivamente alle richieste di denaro, ma faccia i conti con il fabbisogno reale di opere pubbliche e private, in vista dell'ultimazione di tutti quei lavori ancora in attesa di compimento.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X