stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Beni sequestrati, gli studenti di Castellammare studiano come riutilizzarli

di

È stata avviata in questi giorni la collaborazione con l'istituto scolastico «Piersanti Mattarella» di Castellammare del Golfo per la realizzazione del laboratorio «Beni sequestrati e confiscati». Dopo la presentazione del laboratorio, gli studenti hanno già cominciato a studiare e a conoscere la normativa in materia di gestione dei beni sequestrati e confiscati e i positivi modelli di riutilizzo sociale avviati sul territorio.

Iniziativa che è figlia di un progetto finanziato dalla Regione e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri ad una rete di associazioni di Castellammare del Golfo. Al via una serie di laboratori rivolti ai giovani su percorsi educativi: lotta alla mafia e al gioco d'azzardo, rispetto dell'ambiente, beni confiscati e piani di cittadinanza attiva.

L'attività, presentata nelle scorse settimane alla villa «Margherita», è portata avanti dall'associazione «Castello Libero» in partenariato con il Comune e le associazioni Enpa di Partinico, l'Ente nazionale protezione animali, e l'associazione di promozione sociale «Kimera», realtà che vantano una solida esperienza nella realizzazione di percorsi educativi e formativi rivolti a giovani e giovanissimi, con un notevole contributo di competenze e «know how» accumulato in anni di intervento sociale e culturale.

L'articolo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X