stampa
Dimensione testo
DAL GDS IN EDICOLA

Marsala, il parco archeologico si apre alla musica ed all'arte

di
musei Trapani, Enrico Caruso, Trapani, Cultura

Il Parco archeologico di Lilibeo esce dall'anonimato per porsi in linea con i tempi dei parchi archeologici alla musica, all'arte e alla cultura.

Secondo il piano già avviato la scorsa settimana dal neo direttore, architetto Enrico Caruso, il Parco si avvia a darsi una nuova veste, ad uscire dallo stato di pressochè isolamento e anonimato (al di là della sempre più vasta conoscenza del suo patrimonio archeologico) per mettersi in linea con i tempi come «centro di attività artistico-musicali».

Una sorta di“linea di inversione” che mira a rendere sempre più vasta la partecipazione della struttura archeologico-museale all'arte e alla cultura più in generale. L'obiettivo è legato, come già felicemente sperimentato la scorsa settimana, a far diventare il Parco archeologico un vero e proprio «teatro all'aperto» con la Plateia Aelia in musica, grazie alla collaborazione istituita tra il Parco e l'Associazione Siciliana Amici della Musica di Palermo, il Luglio Musicale di Trapani e l'Associazione “La Scintilla” di Marsala.

L'articolo completo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X