stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Proiettili d'artiglieria dell'ultima guerra affiorano dai fondali del Trapanese

archeologia, Trapani, Cultura

Sono rimasti in mare per anni dopo l'ultimo conflitto mondiale e oggi, dopo decenni riaffiorano grazie all'intervento del Nucleo Sdai di Augusta. Si tratta di munizioni da mitragliatrice e proiettili d'artiglieria, recuperati a Marinella dei Selinunte e a Campobello di Mazara.

"La presenza di munizioni e di aerei militari nelle acque lungo la costa tra Capo Granitola e Selinunte è riconducibile al fatto che quello era l'asse di riferimento dell'aeroporto fantasma di contrada Scunchipane di Sciacca - spiega Maurizio Tosco, studioso dello Sbarco in Sicilia - su quella traiettoria c'era anche la spiaggia di Selinunte, mentre il faro di Capo Granitola veniva preso come riferimento dai caccia inglesi per intercettare e abbattere gli aerei italiani».

L'articolo completo di Max Firreri nell'edizione di oggi del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X