stampa
Dimensione testo

Cultura

Home Cultura Proiettili d'artiglieria dell'ultima guerra affiorano dai fondali del Trapanese
DA GDS IN EDICOLA

Proiettili d'artiglieria dell'ultima guerra affiorano dai fondali del Trapanese

archeologia, Trapani, Cultura

Sono rimasti in mare per anni dopo l'ultimo conflitto mondiale e oggi, dopo decenni riaffiorano grazie all'intervento del Nucleo Sdai di Augusta. Si tratta di munizioni da mitragliatrice e proiettili d'artiglieria, recuperati a Marinella dei Selinunte e a Campobello di Mazara.

"La presenza di munizioni e di aerei militari nelle acque lungo la costa tra Capo Granitola e Selinunte è riconducibile al fatto che quello era l'asse di riferimento dell'aeroporto fantasma di contrada Scunchipane di Sciacca - spiega Maurizio Tosco, studioso dello Sbarco in Sicilia - su quella traiettoria c'era anche la spiaggia di Selinunte, mentre il faro di Capo Granitola veniva preso come riferimento dai caccia inglesi per intercettare e abbattere gli aerei italiani».

L'articolo completo di Max Firreri nell'edizione di oggi del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X