stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

L'isola di Mozia e la rassegna in una catapulta di emozioni

«Una catapulta di emozioni». È così che Giacomo Frazzitta, attore-regista dell'associazione culturale Arco, istrionico «one man show» in «MOT - la conquista», ha definito i quattro spettacoli che, ad iniziativa del Movimento Artistico Culturale marsalese (associazione di gruppi teatrali e musicali locali), sono stati messi in scena, domenica sera, a Mothia.

Esibizioni di circa mezz'ora ciascuna incentrate sul tema «della sicilianità e del tramonto, per un omaggio a Mothia nel solstizio d'estate».

«Mi auguro che questo sia il primo di una lunga serie di spettacoli realizzati sull'isola» dice l'archeologa romana Maria Pamela Toti, responsabile di Mothia per la Fondazione Whitaker. Il sipario si è alzato, alle 19, sotto il monumentale ficus davanti il Museo Whitaker, con i «Musicanti», che hanno proposto «…pi non perdere lu cuntu», del poeta Ignazio Buttitta.

L'articolo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X