stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Vincenzo Li Causi, le spoglie del maresciallo ucciso in Somalia trasferite da Partanna a Roma
L'AGGUATO DEL '93

Vincenzo Li Causi, le spoglie del maresciallo ucciso in Somalia trasferite da Partanna a Roma

Sono state trasferite dal cimitero di Partanna a quello di Roma, città dove vive la sua famiglia, le spoglie del maresciallo maggiore dell’esercito Vincenzo Li Causi, appartenente ai segreti militari, ucciso in un’imboscata a Balad, in Somalia, il 12 novembre 1993, durante la missione internazionale «Ibis II», mentre viaggiava con altri quattro commilitoni.

Il sottufficiale, operativo a Trapani, sarebbe dovuto rientrare l’indomani in Italia per riferire al giudice Felice Casson su Gladio e sui presunti traffici di armi e scorie radioattive in Somalia. Il maresciallo Li Causi, che quando fu ucciso aveva poco meno di 41 anni, sarebbe stato amico e informatore della giornalista di Rai3 Ilaria Alpi, uccisa, insieme a suo operatore Miran Hrovatin, poco più di quattro mesi dopo a Mogadiscio.

«A prescindere dalla presenza delle spoglie del compianto cittadino nel nostro cimitero - ha detto il sindaco di Partanna, Nicolò Catania, partecipando alla cerimonia di saluto - la comunità tutta avrà modo di ricordarlo sempre con particolare affetto proprio per evidenziare il legame che si è mostrato costante nel tempo nei suoi confronti. Sono contento del fatto che trasferendo le spoglie presso il cimitero della Capitale, i familiari possano sentirlo più vicino dedicandogli tempo e presenza con le loro preghiere».

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

I più letti
Oggi
  • Oggi
  • Settimana
  • Mese
X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X