stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Pescatori di Mazara prigionieri in Libia, la Uil stanzia 1.500 euro per le famiglie
IL SINDACATO

Pescatori di Mazara prigionieri in Libia, la Uil stanzia 1.500 euro per le famiglie

di

«Liberate i nostri pescatori. Subito». Questo l’appello lanciato dal segretario generale della Uil Pierpaolo Bombardieri per l’immediata liberazione dei diciotto pescatori (otto italiani, sei tunisini, due senegalesi e due indonesiani) detenuti nel carcere di el Kuefia, a 15 km sudest di Bengasi, dopo che lo scorso primo settembre era stati sequestrati a 35 miglia dalle coste libiche, insieme ai due motopesca «Medinea» e «Antartide».

Nel corso dello stesso video-collegamento, Bombardieri, Mantegazza e Mammucari hanno annunciato alcune iniziative congiunte per sostenere concretamente, visto il momento drammatico, le famiglie dei diciotto pescatori; le tre sigle garantirebbero complessivamente circa 1.500 euro per ogni famiglia dei marittimi detenuti.

L'articolo completo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X