stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Trapani, estorsione e autoriciclaggio in un market: sequestro da mezzo milione
GUARDIA DI FINANZA

Trapani, estorsione e autoriciclaggio in un market: sequestro da mezzo milione

Con buste paga ridotte e costretti ad attestare di aver percepito una cifra maggiore, anche dopo le pressioni di due sindacalisti. È accaduto ai dipendenti di un supermercato di Trapani.

Lo hanno scoperto i finanzieri che hanno eseguito un'ordinanza di applicazione di misure cautelari personali e reali, per estorsione e autoriciclaggio, emesse dal gip nell'operazione "A shot of money" nei confronti di due amministratori e due dirigenti di una società palermitana che gestisce supermarket e dei rappresentanti sindacali.

Il gip ha disposto l'applicazione di 6 misure cautelari personali interdittive del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale o uffici direttivi delle persone giuridiche e delle imprese e la professione di conciliatore sindacale e il sequestro preventivo di circa mezzo milione di euro, quale profitto illecito dei reati di estorsione e autoriciclaggio.

Dopo un controllo in materia contributiva e previdenziale nei confronti di un supermercato con marchio Conad di Trapani sono cominciate le indagini con intercettazioni telefoniche ed ambientali che hanno fatto scoprire i reali rapporti intercorsi tra i dipendenti e il datore di lavoro.

Secondo la Gdf "gli indagati, approfittando della situazione del mercato del lavoro a loro favorevole, costringevano numerosi lavoratori, con la minaccia implicita del licenziamento e della mancata riassunzione, ad accettare la corresponsione di trattamenti retributivi deteriori e non adeguati alle prestazioni effettuate, con la sottoscrizione di buste paga attestanti il pagamento di somme inferiori rispetto a quelle che avrebbero dovuto ricevere per l'attività effettivamente svolta, nonché a presentare dimissioni indotte".

Le "costrizioni" secondo l'accusa, sarebbero state favorite e portate a compimento grazie "alla compiacenza di due assistenti sindacali che, omettendo ogni tipo di assistenza in favore dei lavoratori, si limitavano a far firmare agli stessi le transazioni pervenute dal rappresentante legale della società palermitana (nell'esclusivo interesse della stessa) nonché a far sottoscrivere loro verbali di conciliazione in cui i dipendenti rinunciavano a tutte le legittime spettanze ed ai diritti acquisiti (ferie, straordinario, permessi)".

Nel corso delle indagini è stato accertato che i dipendenti, sottoposti a costrizione psicologica, venivano sistematicamente indotti dal datore di lavoro a presentare dimissioni con la giustificazione che sarebbero stati riassunti con condizioni contrattuali migliori (stipendi più alti, orari contrattualizzati) e, quindi, invitati a recarsi presso un sindacato al fine di promuovere fittizie procedure conciliative che terminavano con la sottoscrizione di verbali di conciliazione ad esclusivo vantaggio economico del datore di lavoro. Secondo l'accusa questi "accordi" hanno permesso alla società di conseguire un profitto illecito di circa mezzo milione di euro.

“Qualora fossero confermate le ipotesi della Procura di Trapani – commento dei vertici di PAC 2000 A, la cooperativa che gestisce il marchio Conad in Siciliaa – i dirigenti di Arcipelago SpA avrebbero anche disatteso tutti i principi adottati con l’adesione al ‘Codice Etico Conad’, che ogni socio imprenditore è tenuto a rispettare, pena l’esclusione dalle cooperative e la revoca dell’insegna. Oltre al danno alla reputazione dell’insegna nel suo complesso, questa infedeltà colpisce anche la reputazione della nuova Socia che ha rilevato il punto vendita di Trapani precedentemente gestito dalla Arcipelago SpA e che opera nel pieno rispetto dei contratti di lavoro e dei diritti dei lavoratori”.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X