stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corruzione, condannato funzionario della Regione Siciliana
TRIBUNALE DI PALERMO

Corruzione, condannato funzionario della Regione Siciliana

corruzione, Trapani, Cronaca

Il Gup del tribunale di Palermo Maria Cristina Sala ha condannato col rito abbreviato a 3 anni e 4 mesi il geometra Giacomo Causarano, funzionario dell’assessorato regionale all’Energia, imputato di corruzione.

L’uomo è coinvolto nella vicenda che aveva portato agli arresti di Vito Nicastri, il cosiddetto "re dell’eolico", e di Paolo Franco Arata, sedicente responsabile del centrodestra per l’ambiente, molto vicino alla Lega. Nell’indagine della Dia di Trapani, coordinata dalla Dda di Palermo, sono coinvolti anche i figli dell’imprenditore di Alcamo (Trapani) Manlio Nicastri, e di Arata, Francesco Paolo, pure loro finiti ai domiciliari come lo stesso Causarano e l’ingegnere Alberto Tinnirello, dirigente dell’assessorato regionale.

Questi ultimi, secondo Nicastri padre, per agevolare i programmi di Vito Nicastri (che ha confessato) e Paolo Arata, avrebbero diviso una tangente, promessa nell’importo di mezzo milione di euro ma versata solo per centomila. Il giudice Sala ha accolto le tesi dei pm Paolo Guido e Gianluca De Leo. Causarano, difeso dagli avvocati Cinzia Pecoraro e Paolo Grillo, farà appello.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X