stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Alcamo, business dei centri per migranti e bancarotta: 14 indagati
INCHIESTA "BROTHER"

Alcamo, business dei centri per migranti e bancarotta: 14 indagati

In 14 rischiano il processo per il business dei centri per migranti tra Alcamo e Trapani e per la bancarotta di un noto centro sportivo. La Procura ha notificato la conclusione dell’indagine nell’ambito dell’inchiesta denominata «Brother».

Nomi di spicco sono venuti fuori da questa indagine: dall’ex deputato regionale Norino Fratello, al fratello Salvatore, per arrivare anche all’ex vicepresidente del consiglio comunale di Alcamo Gaetano Calvaruso. L’elenco con loro si allunga a vari presunti prestanome e fiancheggiatori: Maria Adragna, Davide Amodeo, Cristina Coppola, Benedetto Costantino, Antonino D’Angelo, Sebastiano D’Angelo, Maria Fileccia, Baldassare Marchese, Patrizia Messina, Anna Maria Montemagno e Marisa Oliveri.

Tutti sono indagati con accuse a vario titolo per estorsione, intestazione fittizia di beni, riciclaggio, evasione fiscale e mancato versamento dei contributi.

L'articolo di Michele Giuliano nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X