stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, tre siciliani bloccati in Marocco: "Vogliamo tornare"
LA STORIA

Coronavirus, tre siciliani bloccati in Marocco: "Vogliamo tornare"

di

«Odissea» per tre siciliani costretti a restare in Marocco da quando è scoppiato il Covid 19. L'appello alla Farnesina:«fateci trascorrere almeno la Pasqua in famiglia».

I protagonisti di questa vicenda sono: Vincenzo Rossello di Castelvetrano e dei suoi colleghi di lavoro Carmelo Aserio e Gerlando Di Falco di Palma di Montechiaro. I tre erano andati in Marocco per motivi di lavoro in quanto la loro società si occupa di edilizia.

Erano pronti per ripartire per l' Italia,quando si sono chiuse le porte.

Rossello racconta la disavventura : «Anche in Marocco da quando è scoppiata la pandemia c'è un clima molto rigido e severo ,nelle strade non si vede nessuno e i protocolli sono molto severi. Da più di venti giorni dovevamo rientrare in Italia. Anche sei il popolo marocchino ci sta trattando bene, altrettanto non possiamo dire dai governanti italiani ,che pare si siano dimenticati di noi, nonostante altri gruppi di nostri connazionali, con mamme in gravidanza stanno vivendo la stessa nostra esperienza».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X