stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, al carcere Pietro Cerulli di Trapani negate le visite ai parenti dei reclusi
TENSIONE

Coronavirus, al carcere Pietro Cerulli di Trapani negate le visite ai parenti dei reclusi

La protesta all'interno delle carceri raggiunge anche Trapani: attimi di tensione ieri pomeriggio davanti la casa circondariale Pietro Cerulli. Una trentina di familiari di detenuti arrivati per la consueta visita non sono potuti entrare nel carcere a causa del rischio contagio coronavirus. Lo stop è stato disposto dal governo nazionale.

I parenti dei detenuti, così come riporta Laura Spanò in un articolo del Giornale di Sicilia in edicola, hanno protestato davanti al penitenziario e sui muri della struttura hanno affisso: "Diritto per i detenuti anche loro sono umani Covid19" e ancora "Amnistia e indulto per tutti" e infine "Paura coronavirus carceri sovraffollati libertà per tutti".

Mentre fuori i familiari protestavano, la direzione del carcere ha naturalmente invitato gli agenti della Polizia penitenziaria a mantenere l'ordine e la calma, seguendo rigidamente il protocollo che in casi come questo viene attuato a beneficio di quanti vivono all'interno della struttura, sia detenuti, che agenti, oltre agli amministrativi.

L'articolo completo sull'edizione del Giornale di Sicilia in edicola

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X