stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Triscina, le ruspe sono ferme: la protesta di Legambiente
DAL GDS IN EDICOLA

Triscina, le ruspe sono ferme: la protesta di Legambiente

di

«Sono sconcertato di questa amministrazione che accampa scuse per non abbattere le case, è riuscita a fermare un progetto di legalità nella patria di Matteo Messina Denaro». A parlare è il presidente regionale di Legambiente, Gianfranco Zanna, che si è detto preoccupatissimo per questa incresciosa situazione.

Sono ferme le demolizioni delle case abusive di Triscina da quando si è insediato il nuovo sindaco pentastellato Enzo Alfano. Sono state abbattute solo 32 immobili su 83, sino ad Aprile del 2019, da allora tutto fermo. A eseguire i lavori di abbattimento è l'impresa Cogemat srl di Trapani.

Per le demolizioni la commissione straordinaria, alla guida del comune fino al maggio scorso, dopo lo scioglimento per mafia nel giugno 2017, ha ottenuto dalla cassa depositi e prestiti tre milioni di euro. Lo scorso settembre, il primo cittadino aveva assicurato che le demolizioni sarebbero ripartite, ma ad oggi è ancora tutto fermo.

L'articolo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X