stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Marsalese stroncata da un'infezione, a processo 5 medici
DAL GDS IN EDICOLA

Marsalese stroncata da un'infezione, a processo 5 medici

«Non si può morire a quarant'anni per una infezione che non doveva essere contratta e che poi poteva essere curata... Cosa chiediamo noi, se non giustizia? E che quanto accaduto non abbia più a ripetersi». È quanto ha affermato l'avvocato Maurizio D'Amico, legale di parte civile, nel corso dell'udienza davanti al gup di Palermo Antonella Consiglio sfociata nel rinvio a giudizio, per omicidio colposo in concorso, di cinque medici del reparto di Neurochirurgia degli ospedali Riuniti Villa Sofia e Cervello di Palermo.

Secondo l'accusa, sarebbero responsabili, per «imprudenza, imperizia e negligenza», della morte di una donna marsalese, Maria Vita Curatolo.

Ad essere processati (prima udienza fissata per l'11 giugno prossimo davanti la seconda sezione penale del Tribunale di Palermo presieduta da Luisa Rizzini) saranno i medici Salvatore Giovanni Barrale, di 66 anni, Stefano Arcadi, di 58, Marika Tutino, di 47, Tiziana Costanzo, di 46, e Silvana Tumbiolo, di 54. L'avvocato D'Amico assiste la parte civile, l'ex dirigente scolastico Michela Vinci, madre della donna deceduta il 19 novembre 2012, dopo una settimana di coma.

L'articolo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X