stampa
Dimensione testo
ABELE AJELLO

Mazara, intervento senza trasfusione: plauso dei Testimoni di Geova

di
sanità, Trapani, Cronaca

Intervenire con la chirurgia laparoscopica come nuova frontiera per tutelare i pazienti, anche quelli che per una scelta religiosa (come i testimoni di Geova) o per altri motivi, rifiutano le emotrasfusioni. E' la scelta dell'ospedale «Abele Ajello» di Mazara del Vallo e del suo reparto di chirurgia generale.

La tecnologia è stata utilizzata con successo per una gastrectomia totale laparoscopica con linfectomia per carcinoma gastrico, quinta causa di morte per cancro al mondo. La paziente, una testimone di Geova di 77 anni di Mazara del Vallo, è stata dimessa in ottime condizioni dopo una degenza postoperatoria di 9 giorni.

L'intervento è stato eseguito, spiega in una nota la Congregazione Cristiana dei Testimoni di Geova, senza trasfusioni e nel massimo rispetto della volontà della paziente, dall'equipe diretta da Giacomo Urso, primario di chirurgia generale. La metodica laparoscopica che riduce al massimo le perdite ematiche, ma soprattutto il rispetto della volontà delpaziente per quanto riguarda l'uso del sangue, hanno fatto sì che l'Ajello sia diventato il polo attrattivo anche per itestimoni di Geova.

L'articolo completo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X