stampa
Dimensione testo
DA GDS IN EDICOLA

Marsala, cani randagi fanno una strage di pecore

di
aggressioni, animali, Paolo Centonze, Trapani, Cronaca

Un branco di cani si introduce nella notte in un capannone e fa strage di pecore: sono circa 190 quelle morte, molte delle quali azzannate, altre sono decedute per la calca del gregge, uccisi anche 150 agnellini di età inferiore a tre mesi.

È accaduto nella periferia sud del Marsalese, e in particolare in contrada Volpara, a due passi dal canile comunale. «I cani forse sono entrati dalle finestre laterali nel mio capannone destinato alle pecore gravide o che hanno partorito da poco, una specie di padiglione-maternità che avrebbe dovuto essere un luogo protetto, ma i randagi si sono introdotti all'interno e hanno letteralmente masticato tantissime pecore - riferisce disperato il proprietario, l'allevatore marsalese Paolo Centonze -. Il danno economico è enorme. Si tratta di pecore da latte che avevano già avuto gli agnelli ed ora avrebbero iniziato la piena produzione. Il danno immediato è di oltre cinquantamila euro, senza contare il ricavo che questi animali avrebbero prodotto in seguito. Sono avvilito, perché chi sceglie di fare questo mestiere, oggi, lo fa per amore e per me è un dolore grandissimo quello che è successo».

Ieri mattina Paolo Centonze è anche riuscito a vedere i cani randagi che avevano devastato il suo gregge, si tratta di circa nove cani di taglia grande e media, ma, non appena l'allevatore ha aperto il portone dell'immobile, i randagi sono subito fuggiti.

L'articolo completo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia di oggi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X