stampa
Dimensione testo
CORPO FORESTALE

Operazione contro il bracconaggio nel Trapanese, cinque cacciatori multati

Cinque cacciatori multati e un richiamo elettronico sequestrato. E’ il risultato delle attività di contrasto al bracconaggio messe in campo dal Corpo forestale della Regione Siciliana, che sono state intensificate nelle ultime settimane, come disposto dal governatore Nello Musumeci, dopo l’apertura della caccia.

Nelle prime ore del mattino, il competente ispettorato ripartimentale, guidato da Francesco Trapani, ha svolto una serie di controlli su tutto il territorio della provincia. In particolare, alla foce del Fiume Belice è stato rinvenuto un richiamo elettronico ben mimetizzato nel terreno, ancorato e blindato.

Il sequestro, al momento, è a carico di ignoti, ma sono in corso accertamenti. Nel Comune di Campobello di Mazara, in contrada Campana, invece, gli agenti hanno elevato cinque processi verbali amministrativi per attività venatoria in aree percorse da incendio. Alle operazioni, oltre al distaccamento forestale di Castelvetrano, hanno partecipato anche uomini provenienti dal comando di Palermo e da altre province dell’Isola.

L’impegno del Corpo forestale della Regione Siciliana proseguirà per tutta la durata della stagione venatoria, con particolare attenzione alle aree di maggiore interesse naturalistico. A esprimere un plauso è l'assessore regionale al Territorio Toto Cordaro, che sottolinea come in questo modo si assicuri "sicurezza e legalità".

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X