stampa
Dimensione testo
POLIZIA

Castelvetrano, micro telefonini e droga in cella: due arresti

Padre e figlio di origini catanesi sono stati denunciati dalla polizia penitenziaria di Castelvetrano dopo che il secondo, durante il colloquio con il genitore detenuto, ha effettuato il cambio delle scarpe e nascosto nelle suole due microtelefoni cellulari, sim, caricabatteria e droga. I due indossavano scarpe identiche.

Gli agenti, insospettiti, hanno seguito i loro movimenti e li hanno colti in fragrante. L'episodio è stato denunciato dal segretario nazionale Uspp Ugl Francesco D'Antoni: "Il lavoro della polizia penitenziaria ha raggiunto una situazione davvero preoccupante per la sicurezza della collettività. E' grave e cronica la carenza di personale e l'assoluta inadeguatezza di mezzi e di strutture. La 'semplicità' con cui si sono consumate le evasioni, i tentativi di introdurre cellulari e sostanze stupefacenti non può passare inosservata e deve portare a una profonda riflessione e a interventi concreti e immediati". (ANSA).

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X