TRIBUNALE DI MARSALA

Lesioni personali, 32enne di Castelvetrano condannato a 4 anni

di

"Quella coltellata all'addome non fu inferta con lo scopo di uccidere". E' quanto ha sostanzialmente sentenziato, ieri pomeriggio, il Tribunale di Marsala (presidente del collegio: Alessandra Camassa, giudici a latere Iole Moricca e Francesco Paolo Pizzo) derubricando, per il 32enne castelvetranese Fabio Vito Circello, l'imputazione di tentato omicidio nella meno grave accusa di lesioni personali.

Di fatto, assolvendo Circello dall'accusa più grave: quella di tentato omicidio. Ma, giudicandolo colpevole, oltre che di lesioni in danno del 32enne campobellese Maurizio Bongiovanni, anche di uso di coltello e sequestro di persona e lesioni in danno di un romeno, Pietro Iacob, che secondo l'iniziale accusa sarebbe stato portato in un luogo isolato, picchiato e rapinato del telefono cellulare, lo ha condannato a quattro anni e un mese di reclusione.

Fabio Vito Circello è stato, inoltre, assolto pure dalle accuse di rapina in danno del romeno Iacob, come chiesto anche dallo stesso pubblico ministero Niccolò Volpe, e da porto illegale di arma in luogo pubblico.

L'articolo completo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia di oggi.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X