stampa
Dimensione testo
50 CASI

Intossicati dal cous cous a Marsala, l'Asp chiude una pescheria

Troppi casi di intossicazione e l’Azienda sanitaria provinciale trapanese invia gli ispettori in pescheria. E per l’attività commerciale, dopo i controlli, è scattata la sospensione dell’attività. E’ accaduto a Marsala. Sotto la lente dei tecnici dell’Asp è finita una pescheria e in particolare il cous cous di pesce venduto nell’esercizio commerciale.

I risultati forniti dal Laboratorio di sanità pubblica hanno riscontrato un risultato del parametro microbiologico "Bacillus Cereus" non conforme alle norme. Il controllo è scattato in seguito alla segnalazione di numerosi casi di intossicazione registrati al Pronto soccorso dell’ospedale di Marsala.

Il Dipartimento di Prevenzione veterinaria ha perciò disposto la sospensione dell’attività ordinando le operazioni di sanificazione e disinfezione dei locali, delle attrezzature, degli utensili e del serbatoio di accumulo dell’acqua potabile della pescheria e della gastronomia.

"La tutela della salute pubblica è fondamentale - ha sottolineato il direttore generale dell’Asp di Trapani, Fabio Damiani -. Le attività di controllo e prevenzione sul territorio saranno sempre più fitte e capillari e non ci saranno mezze misure per chi non rispetta le disposizioni igienico sanitarie in ambito alimentare".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X