A TRAPANI

Stangata ingiusta da Riscossione Sicilia: contribuente fa condannare l'agenzia

condanna riscossione sicilia, Riscossione sicilia, Trapani, Cronaca

Corte di Cassazione e Commissione Tributaria regionale censurano Riscossione Sicilia per «illegittimi  comportamenti ed inadempimenti verso un contribuente trapanese, ingiustamente raggiunto da iscrizione ipotecaria e fermo amministrativo».

La censura è relativa ad un pronunciamento di condanna nei confronti di Riscossione Sicilia che non aveva
provveduto ai rimborsi dovuti sulla base di precedenti giudizi tutti a favore del contribuente che fin dall’inizio
L’iscrizione ipotecaria e il fermo amministrativo erano illegittimi del contenzioso è stato assistito dall’avvocato Gino Bosco.

Già in primo grado, infatti, il legale aveva impugnato vittoriosamente tutti i provvedimenti di Riscossione Sicilia, che quindi sarebbero stati riconosciuti illegittimi, dinanzi al Tribunale di Trapani e Commissione Tributaria di Trapani (annullamento dell’ipoteca e del fermo, dei ruoli e delle cartelle esattoriali) mentre l’Ente, che aveva proposto appello in Commissione Regionale, è stato poi condannato a pagare le spese di lite, così come racconta Giacomo Di Girolamo sulle pagine del Giornale di Sicilia oggi in edicola. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X