IL MESSAGGIO

Pasqua, il messaggio del vescovo Mogavero: "Un pensiero a Notre Dame"

di
Mazara del Vallo, notre dame, Pasqua, Domenico Mogavero, Trapani, Cronaca

Il vescovo della diocesi di Mazara del Vallo nella domenica di Pasqua rivolge un pensiero all'incendio che negli scorsi giorni ha distrutto Notre Dame. Mogavero è commosso e sorpreso dall'interesse e della commozione che ha suscitato in tutto il mondo la notizia della parziale distruzione della cattedrale parigina. Questo per il vescovo Mogavero potrebbe essere il segnale della necessità di trascendenza e di sacro. Un segno in controtendenza rispetto ad un mondo sempre più orgoglioso e laico.

"È Pasqua, anche per chi non lo sa - scrive nel suo messaggio monsignor Domenico Mogavero - Succede, talora, che un evento fortuito porti al centro dell’osservazione qualcosa che attira l’attenzione, ma per un tempo limitato e non sempre guardando alla vera realtà di ciò che si osserva. L’incendio della cattedrale di Notre Dame ha suscitato un inaspettato, almeno per me, coinvolgimento di proporzioni planetarie. Non pensavo che una chiesa, per quanto monumento visitato e ammirato annualmente da milioni di visitatori, potesse suscitare un interesse così diffuso, una commozione appassionata e una fattiva volontà di ricostruzione. Mi chiedo se tutto ciò non sia l’emersione di un bisogno di trascendenza che nel sacro ha sicuramente una risposta sicura ed esauriente. Se così fosse, il segnale sarebbe da raccogliere e da rilanciare, proprio perché controtendenza, a partire da un paese la Francia che ha fatto di una certa visione della laicità una bandiera issata con vanto e orgoglio".

Mogavero riflette anche sul significato della Pasqua, una festa di cui molti non conoscono più il significato. "Mi va di pensare che possa rientrare in questa visione delle cose anche la Pasqua. Molti oggi non sanno neanche cosa significhi questo termine - spiega monsignor Mogavero - Eppure tutti si avvalgono del carattere festoso di questi giorni e tutti si adeguano a certi riti, per niente liturgici, che ormai fanno parte delle relazioni sociali. Forse bisognerà attendere qualcosa che, come a Parigi, conferisca una nuova prospettiva a una festa che per i cristiani è decisamente la prima, la più centrale, l’unica necessaria".

Il vescovo di Mazara del Vallo sprona i fedeli della sua diocesi a riscoprire il vero significato della Pasqua che non è solo occasione di banchetti, ma è il momento per vivere e testimoniare la vittoria della vita sulla morte in Gesù Cristo: "E allora è naturale chiedersi se non sia proprio una responsabilità nostra la visione alienante della Pasqua, che privilegia il turismo, il banchetto, i dolci tradizionali, ma non si prende cura di annunciare, vivere e testimoniare la definitiva vittoria della vita sulla morte in Gesù Cristo, morto sepolto e risorto. L’augurio che faccio è, perciò, che come l’esplosione di vita ribaltò la pietra del sepolcro a Gerusalemme, così la carica di vita bella dei cristiani, risorti per grazia, dia una speranza nuova al nostro tempo, facendo trionfare la vita in tutte le realtà nelle quali essa continua a essere osteggiata, crocifissa e sepolta".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X