CARABINIERI

Castelvetrano, minaccia di morte i carabinieri: ferito e arrestato

di

Momenti concitati nella notte tra il 15 e il 16 aprile a causa del comportamento di un uomo, poi arrestato dalla Sezione Operativa del Comando Compagnia Carabinieri di Castelvetrano.

Vincenzo Randazzo, castelvetranese di 52 anni, è stato fermato con l'accusa di minaccia aggravata a pubblico ufficiale, resistenza a pubblico ufficiale e ingresso arbitrario in luoghi ove l’accesso è vietato nell’interesse militare dello Stato.

L'uomo, disoccupato e gravato da precedenti di polizia, intorno alle 00:30, sfrecciava alla guida della propria autovettura nei pressi della stazione dei carabinieri, alternando brusche frenate e frequenti sgommate, attirando l’attenzione del militare di servizio e di alcuni passanti.

Randazzo, poi, è giunto davanti al cancello principale d’ingresso della caserma, in via Veneto e, dopo aver insistentemente suonato al citofono, ha minacciato di morte il militare di servizio alla caserma, intimando allo stesso di aprire subito il cancello perché doveva sparare a tutti i Carabinieri.

Malgrado i continui inviti alla calma e ai ripetuti alt rivolti dal militare il quale, nel frattempo, aveva richiesto ausilio alla pattuglia di turno della locale Sezione Radiomobile, Randazzo ha scavalcato il cancello.

Vista la gravità della situazione e l’aggressività dell’uomo, che già in passato aveva aggredito ben cinque carabinieri durante le fasi di un suo precedente arresto, il militare ha esploso un colpo di arma da fuoco dalla sua pistola d’ordinanza. Il gesto del carabiniere a causa delle situazioni di pericolo attuale e imminente ai danni della sua persona, della struttura militare e degli altri militari presenti in caserma.

Randazzo è stato ferito leggermente all’addome e bloccato da altri militari nel frattempo sopraggiunti ma, nonostante questo, ha continuato a colpire i Carabinieri, minacciando di morte tutti i presenti.

L'uomo è stato arrestato e trasportato presso l’Ospedale di Castelvetrano, dove si trova attualmente in osservazione e non in pericolo di vita.

Verrà trasferito presso la Casa Circondariale di Trapani.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X