Vendita abusiva del pesce a Trapani, il pugno duro del sindaco Tranchida

di

È vietata in tutto il territorio comunale il commercio di prodotti ittici su area pubblica in forma itinerante. Inoltre, è vietato il transito di qualunque mezzo che trasporti prodotti ittici nell'area portuale delimitata dalle strade «viale Regina Elena, viale Duca D'Aosta, via Carolina, viale delle Sirene, via Torre di Ligny, piazza Vittime Motonave Maria Stella (ex Largo Scalo D'Alaggio), via Cristoforo Colombo, via dei Ranuncoli», dalle ore 20.00 alle ore 7.00 del giorno successivo, ad eccezione di quei mezzi isotermici che, in possesso della relativa documentazione di tracciabilità, abbiano necessità di accedere in ambito portuale al fine di prelevare il prodotto ittico sbarcato dai motopesca.

«L'Applicazione severa dell'ordinanza sindacale del 5 aprile 2019, in relazione alla quale confido nella rinnovata collaborazione delle Forze dell'Ordine - afferma Giacomo Tranchida, sindaco di Trapani - vuole togliere alla "fonte" l'approvvigionamento del mercato abusivo del pesce. Tanto per garantire i cittadini trapanesi consumatori quanto per garantire un prodotto tracciato e controllato dal punto di vista sanitario. Prossimo passo, riportare il mercato all'interno dei locali di Via C. Colombo».

In caso di inosservanza delle limitazioni e divieti dell'ordinanza si applicano le sanzioni previste.

L’articolo nell’edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X