stampa
Dimensione testo
ASSESSORATO

Punto nascita a Pantelleria, il Comune si appella al Tar

di

L'amministrazione comunale di Pantelleria farà ricorso al Tar della Regione Siciliana in opposizione al decreto assessoriale dello scorso 11 gennaio emanato dall'assessorato alla Salute della Regione Sicilia, che nel programma dell'adeguamento della rete ospedaliera al decreto ministeriale del 2 aprile 2015 prevede l'abolizione dei punti nascita con meno di 500 parti.

Il Ministero, sostiene l'amministrazione presieduta dal sindaco Vincenzo Campo, aveva concesso regolare deroga al mantenimento di alcuni punti nascita aventi un numero di parti inferiori ai 500 all'anno e corrispondenti ai punti nascita di Bronte, Licata, Nicosia, Corleone, Pantelleria e Cefalù.

«Il diniego della deroga - si legge nella delibera del Comune - è stato motivato dall'assessorato regionale alla salute, tra l'altro, dalla segnalazione della mancanza di parti avvenuti presso il Punto Nascita di Pantelleria nel corso dell'anno 2017 a partire dalla riattivazione dello stesso avvenuta in data 15 novembre 2017».

L'articolo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X