LIDO VALDERICE

Cane in acqua con una pietra al collo a Trapani, il giudice chiede l'archiviazione

di

Mia, la cagnolina meticcia salvata da alcuni bagnanti nel luglio scorso, dopo essere stata buttata in mare dal suo padrone, con una pietra al collo, nella zona di Lido Valderice a Trapani, rischia di non avere giustizia. A farlo sapere sono i responsabili della Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

In una nota infatti, scrivono che: «Il pubblico ministero ha chiesto l’archiviazione del caso prendendo per buone le inverosimili giustificazioni del proprietario, dopo che la cagnolina era stata salvata in mare con una pietra al collo ”.

All’epoca l’episodio ebbe una fortissima eco mediatica, tanto da essere commentato dal Ministro dell’Ambiente Sergio Costa e dal Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede che in quell’occasione si impegnarono a far inasprire le pene per i reati contro gli animali. Un impegno che ad oggi non ha ancora avuto seguito, ma che tutti gli
amanti degli animali e i sostenitori della legalità attendono con ansia.

L’articolo nell’edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X