stampa
Dimensione testo
CRISI SENZA FINE

Edilizia, nel Trapanese in un anno chiuse 160 aziende
 

di

Una crisi senza fine, una caduta inarrestabile. Il settore dell'edilizia in provincia non riesce a risollevarsi ed a testimoniarlo sono, impietosi, i numeri. Lo scorso anno sono state 160 le aziende a chiudere i battenti, con una contrazione di circa 400 lavoratori.

A lanciare l'allarme, fornendo i dati della cassa edile, è la Fillea Cgil che fornisce una fotografia impietosa dello stato di crisi profonda che vive l'intero settore, caratterizzato da imprese che chiudono i battenti, da lavoratori che restano disoccupati e dalla massa salariale che diminuisce, a fronte di un numero di infortuni sul lavoro che non si arresta.Se al 31 dicembre 2017 nel Trapanese le imprese attive erano 1.406, ad un anno di distanza sono scese a 1.246, con un calo dell'11,48.

A parlare di una “situazione drammatica” è il segretario provinciale della Fillea Cgil di Trapani Enzo Palmeri. “Il settore - dice - è in caduta libera. Chiediamo maggiori controlli nei cantieri per contrastare il lavoro nero e irregolare e per prevenire gli infortuni sul lavoro che hanno assunto dimensioni preoccupanti, considerato anche che una parte di essi non viene denunciata proprio perché a essere coinvolti sono lavoratori irregolari”.

L’articolo nell’edizione di Trapani del Giornale di Sicilia

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X