stampa
Dimensione testo
TRAPANI

A Salemi la mostra "Quod Vult Deus: l'inizio della cristianità a San Miceli"

Le sale del Museo civico di Salemi accolgono la mostra «Quod Vult Deus: l’inizio della cristianità a San Miceli». Tre vetrine che ospitano alcuni dei reperti archeologici dell’area di San Miceli a Salemi, dove dal 2014 scava l’Institute of Archaeology della Andrews University degli Stati Uniti d’America (con Randall W. Younker ed Élisabeth Lesnes).

Alla luce sono stati portati numerose tombe a fossa, l’antico battistero, una complessa unità abitativa e una villa rustica. Sezioni che testimoniano la presenza di un importante villaggio sorto in prossimità del ruscello e meta probabilmente anche di pellegrini.

Durante gli scavi sono stati portati alla luce i resti della Basilica paleocristiana, scavata da Antonino Salinas nel 1893, che rappresenta il più antico sito rinvenuto di culto cristiano della Sicilia occidentale, tra i primi ad essere costruiti dopo l’editto dell’Imperatore Costantino (313 d.C).

L'articolo completo nell'edizione di Trapani del Giornale di Sicilia.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X